Tempo di lettura: 4 minuti

Come sarebbe Binance se garantisse anche un certo anonimato? Probabilmente simile a Kucoin di cui andremo a parlare in questo articolo.
Kucoin è un exchange Cinese nato grazie ad una ICO nell’agosto 2017, è quindi relativamente giovane ma dai volumi decisamente importanti, superiori ai 15 milioni di euro scambiati ogni giorno.

Registrazione

guida kucoin registrazione
La registrazione è semplicissima, è sufficiente inserire una mail e una password per creare un account!

La registrazione è semplicissima, si accettano i termini di servizio dell’exchange; successivamente non essendo necessario verificare la propria identità è sufficiente inserire la propria mail e scegliere una password. Una volta completata la registrazione consigliamo vivamente di attivare l’autenticazione a due fattori per una maggiore sicurezza, l’exchange per questo tipo di autenticazione usa l’app Google Authenticator.
Da notare subito l’impossibilità di scambiare crypto con FIAT, quindi se non si possiedono cryptovalute è necessario iscriversi in precedenza ad un exchange come Coinbase, acquistare Ethereum o Bitcoin ed inviarli a Kucoin prima di poterlo usare.

Uso

Una volta completata la registrazione si viene indirizzati nella homepage dell’exchange. Spunta subito all’occhio un’enorme sezione contenente dei banner pubblicitari della piattaforma. Personalmente li ho trovati piuttosto fastidiosi, più adatti ad un sito di scommesse di dubbia qualità che ad un exchange.
Sotto il coloratissimo banner si trovano vari riquadri indicanti l’andamento sommario dei vari mercati, cliccando su uno di essi o sul riquadro “markets” posto nella barra in cima e successivamente scegliendo le due valute con cui operare si aprirà la finestra di trading.

guida kucoin registrazione
L’homepage sulla quale spicca il banner pubblicitario

Graficamente simile a quella di Binance e Gdax è composta da tutti gli elementi essenziali.
Il riquadro più grande è ovviamente il grafico, il servizio di charting dell’exchange è fornito da TradingView quindi è estremamente funzionale e completo, ma essendo particolarmente ricco di elementi rimando all’articolo su TradingView.

In basso a sinistra troviamo la depth chart, essa fornisce una rappresentazione grafica mediante due “placche” che si scontrano. L’ altezza varia in base al numero di ordini presenti a quel prezzo quindi maggiore è l’altezza di una delle due “placche” rispetto all’altra maggiore prevarrà la tendenza all’acquisto o alla vendita rispettivamente se è più alta la placca verde a sinistra o quella rossa a destra.

Accanto alla depth chart troviamo il riquadro con gli ordini aperti, in essi vi sono riportate le seguenti informazioni:

  • data e ora di apertura dell’ordine
  • tipo di ordine (acquisto o vendita)
  • il prezzo a cui è stato fissato l’ordine
  • la quantità attualmente già evasa
  • il tasto per cancellare l’ordine.

Le colonne di destra sono rispettivamente l’order book e lo storico degli ordini. L’order book contiene tutta la lista di ordini che devono ancora essere evasi, il prezzo a cui verranno evasi e il quantitativo, gli ordini in verde sono quelli in acquisto, quelli in rosso sono gli ordini di vendita.

Lo storico degli ordini invece contiene la lista degli ultimi ordini evasi, per ogni ordine vi è l’orario a cui sono stati completati, il prezzo e il quantitativo di valuta comprata o venduta in quell’ordine.

L’ultimo riquadro rimasto, quello in basso a destra contiene gli strumenti per piazzare gli ordini di acquisto e vendita; per effettuare un ordine si inserisce il prezzo a cui si desidera acquistare o vendere la valuta scelta, il quantitativo di valuta che si può immettere sia manualmente che in rapporto al nostro bilancio tramite lo slider “ratio” ed infine, per piazzare l’ordine è sufficiente cliccare il riquadro verde buy per l’acquisto o il riquadro rosso sell per la vendita.

guida kucoin recensione exchange
La sezione di trading dell’exchange, graficamente è un misto tra Binance e Gdax.

Kucoin attualmente non consente di effettuare ordini di stop ma solamente quelli di tipo limit. Trovo particolarmente significante questa mancanza in quanto trovo gli ordini di questo tipo fondamentali per il trading.

Cliccando sul simbolo del dollaro in alto a destra verremo portati nella sezione “Assets” dove saranno presenti tutte le valute da noi possedute oltre alle funzioni per il deposito e il prelievo.

Valute e lingue supportate

L’exchange essendo di origine Cinese supporta diverse lingue asiatiche come appunto il Cinese Tradizionale e quello semplificato, il Giapponese, il Vietnamita, il Coreano ed il Russo. Supporta inoltre Inglese, Francese, Olandese, Portoghese, Tedesco e Turco.
Ha circa un centinaio di valute, 5 mercati diversi (Bitcoin, Ethereum, Neo, USDT e Kucoin Shares), è probabilmente l’unico exchange che supporta pienamente Neo e i suoi Smart Contract gli NEP5, che sono equivalenti agli ERC20 di Ethereum.

Kucoin Shares è la crypto proprietaria dell’exchange, attualmente è 55esima su coinmarketcap e l’exchange la utilizza per distribuire i dividendi delle fee secondo questo sistema: tutti i possessori di KCS ottengono il dividendo del 50% delle fee trattenute ogni giorno dall’exchange, inoltre per chi invita amici ha un ulteriore dividendo dato dal 40% delle fee più il 20% delle fee del proprio amico.

Conclusione

Tra i pro dell’exchange vi è sicuramente l’anonimato, attualmente sono molti pochi gli exchange che offrono un servizio simile e quasi tutti hanno fee piuttosto alte, Kucoin invece le mantiene in un range accettabile. I grafici forniti da TradingView sono come sempre ottimi ed inoltre grazie al supporto completo di Neo e dei suoi Smart Contract si possono trovare diverse crypto poco diffuse. Molto apprezzata anche la ridistribuzione delle fee tra i possessori di KCS.

Tra i contro invece vi sono i fastidiosissimi banner della homepage, l’assenza di tipologie di ordini fondamentali per il trading tra cui gli stop. Non consente di scambiare con FIAT quindi è necessario iscriversi ad un altro exchange come Coinbase per poter acquistare le crypto da utilizzare per il trading.

Valerio Lomanno
Autore

Sono studente di Ingegneria Aerospaziale. Appassionato di informatica fin dall’infanzia ho sviluppato competenze in molteplici ambiti riguardanti la tecnologia; tutto ciò unito ad un forte interesse per l’economia mi ha portato nel mondo delle cryptovalute. Contattami: valerio.lomanno@gmail.com

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.